"28 DÈI NEL GIARDINO ERMETICO" │ Palazzo Farnese di Caprarola

Il “Giardino delle Cariatidi”  
Foto: Marialuisa Sales, 24 giugno 2015
(CLICCARE SULLA PRIMA FOTO PER APRIRE LA VISUALIZZAZIONE)

"Il complesso della fu ideato dall'architetto Jacopo Barozzi da Vignola su commissione del cardinale Alessandro Farnese. Esiste una stretta correlazione topografica e stilistica tra palazzo e giardini: i “Giardini bassi” e i “Giardini di sopra” risultano concepiti in modo unitario, anche se giunti a noi con successive stratificazioni. Con i giardini posti alle spalle del palazzo, il Vignola realizzò quella sintesi tra natura ed artificio architettonico caratteristica delle ville laziali tra Cinquecento e primo Seicento, sfruttando le sorgenti collinari per l'alimentazione delle fontane e giovandosi dell'esperienza in Francia per l'arredo dei giardini. Ricavò i “giardini bassi” o “segreti” dallo sbancamento della collina e li progettò secondo un modulo quadrato, riproposto come sottomodulo al loro interno a formare piccoli parterres a meandro. All'interno del complesso gli assi prospettici dei due giardini segreti partono a ventaglio dalle facciate nord-est e sud-ovest e, attraverso ponti levatoi, si concludono nelle fontane “dei Satiri” e “della Venere che sorge dal mare”. Il viale della collina retrostante il palazzo fu livellato e piantato perché il cardinale Farnese e i suoi ospiti potessero godere del bosco circostante, della varietà di fiori e piante e, in generale, della natura addomesticata, delle architetture e dei giochi d'acqua. L'ultimo intervento, attorno al 1584, è quello dei ''Giardini grandi di sopra'', che seguono il pendio della collina in un percorso segnato da fontane con la Casina del Piacere da sfondo. L'impianto del giardino è da riferire al Vignola, ma primo esecutore fu Giacomo Del Duca: a lui si devono la Palazzina del Piacere, il Giardino Grande, la cordonata, la catena d'acqua e il recinto con la Fontana del Bicchiere. Nel 1620 gli subentrò Girolamo Rainaldi, che impresse all'insieme una più marcata impronta plastica e scenografica, con la sistemazione del ripiano delle ''Cariatidi'', il raccordo con il Giardino superiore, l'inserimento dei due padiglioni all'inizio della cordonata e modifiche alla Fontana del Bicchiere."
Tavola Cronologica: 1559